Saturday, 12 December 2009

Friday, 11 December 2009

Una poesia di Jenny Joseph, tradotta da John Jenkins

Quando sono vecchia, porterò il viola

Con un cappello che non va, e che non mi sta bene.
E spenderò la mia pensione in brandy e in guanti estivi
e in sandali di raso, e dirò che non abbiamo i soldi per il burro.

Quando sono stanca, mi siederò sul marciapiede
e inghiottirò i pasticcini che si provano nei negozi e azionerò i campanelli d'allarme
e farò tintinnare le inferriate con il mio bastone
e compenserò per la sobrietà della mia gioventù.

Uscirò sotto la pioggia mentre porto le pantofole
e coglierò i fiori nei giardini degli altri
e imparerò a sputare.

Si possono portare camice orribili e diventare più grassi
si possono mangiare un chilo di salsicce in un colpo
o solo il pane e i sottaceti per una settimana
e si possono accumulare le penne e le matite
e i sottobicchieri e gli altri oggetti nelle scatole.

Ma ora dobbiamo avere i vestiti che tengono asciutti
e dobbiamo pagare l'affitto e non imprecare per strada
e dobbiamo dare il buon esempio ai bambini.
Dobbiamo invitare gli amici a cena e leggere i giornali.

Ma forse ora dovrei esercitarmi un po'?
Affinché la gente che mi conosce non sia troppo scioccata e sorpresa
quando improvvisamente sono vecchia e comincio a portare il viola.

Traduzione della poesia "Warning" di Jenny Joseph

Ecco una famosa poesia di Jenny Joseph, chi vuole tradurla in Italiano?

Warning

When I am an old woman I shall wear purple
With a red hat which doesn't go, and doesn't suit me.
And I shall spend my pension on brandy and summer gloves
And satin sandals, and say we've no money for butter.
I shall sit down on the pavement when I'm tired
And gobble up samples in shops and press alarm bells
And run my stick along the public railings
And make up for the sobriety of my youth.
I shall go out in my slippers in the rain
And pick flowers in other people's gardens
And learn to spit.

You can wear terrible shirts and grow more fat
And eat three pounds of sausages at a go
Or only bread and pickle for a week
And hoard pens and pencils and beermats and things in boxes.

But now we must have clothes that keep us dry
And pay our rent and not swear in the street
And set a good example for the children.
We must have friends to dinner and read the papers.

But maybe I ought to practice a little now?
So people who know me are not too shocked and surprised
When suddenly I am old, and start to wear purple.

Tuesday, 8 December 2009

Pompei su Google

Se volete saperne di più su come visitare Pompei "virtualmente", cliccate qui:

http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/europe/8394384.stm


A proposito, Pompei in Italiano si scrive con una sola "i"!

Saturday, 14 November 2009

Romanzo Criminale


Romanzo Criminale si ispira alle vicende della Banda della Magliana, una banda criminale che ha imperversato a Roma negli anni '70. Potete guardarlo sull'IPlayer (ma solo fino al 15 novembre!)


http://www.bbc.co.uk/iplayer/episode/b00nq8ns/b00p2g71/Romanzo_Criminale/

Friday, 30 October 2009

Uno scioglilingua - 2

Provate a leggere queste due frasi sempre più rapidamente!

Sopra la panca la capra campa,
sotto la panca la capra crepa.

Friday, 23 October 2009

Fantozzi

Ecco un divertente spezzone tratto dalla saga cinematografica di Fantozzi, una commedia basata sulle vicissitudini di uno sfortunato impiegato, interpretato dall'autore Paolo Villaggio

Wednesday, 7 October 2009

Indietro tutta!

Indietro Tutta è il titolo di un programma televisivo comico della fine degli anni '80 che ha avuto grande successo, dove si prendono in giro i tradizionali quiz e giochi a premi e la televisione in genere. L'estratto che vedrete è tratto da una puntata del 1988:

Tuesday, 6 October 2009

Gran Tour - terza puntata


Ecco la terza puntata di Gran Tour. Questa volta si parla di Napoli, Ercolano e Pompei (notice that Pompei has only one "i" in Italian!):

http://www.channel4.com/programmes/kevin-mcclouds-grand-tour/4od#2972365

Monday, 5 October 2009

La D'Addario ad Annozero

Un'interessante intervista a Patrizia D'Addario, l'escort che ha parlato pubblicamente dei suoi rapporti con Berlusconi. Il brano è tratto dalla trasmissione Annozero del 1 ottobre

Sunday, 4 October 2009

All the time

"All the time" is often translated by English speakers as "tutto il tempo". Although this expression does exist in Italian, it isn't as common as it is in English.

For instance, the sentence: "ascolta la radio tutto il tempo" would be best rephrased as "ascolta continuamente la radio": "continuamente" sounds more natural to an Italian native.

On the other hand, there are particular verbs that you'll repeatedly find together with "tutto il tempo" and have almost become fixed expressions. Two of these are "passare" and "stare":

passa tutto il tempo ad ascoltare la radio (he spends all his time listening to the radio)

sta tutto il tempo a lamentarsi (she moans all the time)

Monday, 28 September 2009

Prego!

Prego can be used in many ways, here are the main ones:

as a response to "permesso"? Where permesso means: can I come in? / can I get past? and prego means: please do/please come in:

a. Posso entrare?
b. Prego


as a classical reply to "grazie"


as a way to ask "Can I help you?" (in a shop for instance):


as a way to say "there you are" or "here you are" (when giving something to somebody):

Sunday, 27 September 2009

Il formaggio a Bra

Se vi piace il formaggio, ascoltate questo programma di radio 4 che parla di Bra, una città del Nord Italia che organizza molto eventi che celebrano il formaggio e lo slow food:

http://www.bbc.co.uk/iplayer/episode/b00mtqyt/Food_Programme_Slow_Cheese/

Monday, 21 September 2009

Gran Tour in Italia

















Cliccate su questo link per vedere un ottimo programma di Channel 4 in cui si parla dell'architettura italiana e di alcune famose città d'Italia:

http://www.channel4.com/programmes/kevin-mcclouds-grand-tour/4od#2971035

Saturday, 19 September 2009

Careful with Quid Pro Quo!

In English the latin expression "quid pro quo" equates to a rather mundane and more or less equal exchange (getting something in exchange for something else)

In Italian "quid pro quo" is mainly used in the sense of mistake or misunderstanding (understanding one thing for another)

Thursday, 17 September 2009

Qual è la differenza tra giorno e giornata?

The word "day" is always translated as "giorno" by students of Italian. But you should be aware that there is another word, "giornata", which it's often preferable. Here are the main differences between the two words, based on the definition given by the Zanichelli monolingual dictionary:

Giorno:

- Spazio di tempo di 24 ore che intercorre tra una mezzanotte e quella successiva. Esempio: 365 giorni
- Periodo durante il quale il sole resta sopra l’orizzonte. Esempio: sul far del giorno
- Periodo indeterminato di tempo: oggi giorno, di questi giorni
- Festa, solennità, ricorrenza: il giorno della mamma

Giornata:

- Giornata: guadagno, paga di un giorno di lavoro. Esempio: perdere la giornata
- Giorno caratterizzato da fatti o avvenimenti di grande rilievo o la diffusione di un’iniziativa di interesse nazionale. Esempio: la giornata nazionale del Naso Rosso
- Ciascuno dei giorni e le relative serie di accoppiamenti fissati per lo svolgimento degli incontri dei campionati di calcio e simili: Esempio: prima giornata del girone di andata
- Cammino che si può percorrere nello spazio di un giorno. Esempio: trovarsi a una giornata da Roma
- Periodo di tempo compreso tra l’alba e il tramonto considerato rispetto alle condizioni in cui trascorre, al modo di trascorrerlo e agli avvenimenti che in esso si verificano. Esempio: giornata umida/triste/festiva

Espressioni idiomatiche

Uova di giornata (raccolte oggi)
Vivere alla giornata (giorno per giorno)
Lavorare a giornata (rapporto di lavoro non stabile e continuativo ma occasionale e momentaneo)
In giornata (entro oggi)
Va a giornate (essere incostante nell’umore, nel rendimento ecc.)

Tuesday, 15 September 2009

Un omaggio un po' ironico a Mike Bongiorno



















Un ricordo di Mike Bongiorno, famosissimo presentatore di quiz televisivi, morto qualche giorno fa all’età di 85 anni in seguito a un infarto. Forse l’estratto che vedrete qui su YouTube non è dei più lusinghieri, ma è molto divertente (le risate che sentitere in sottofondo sono dovute al fatto che il brano è stato ripreso e commentato da Paperissima, una trasmissione basata interamente sulle gaffes di personaggi noti e meno noti):

http://www.youtube.com/watch?v=9k-XrEUu5Vg

Friday, 31 July 2009

L'alimentazione degli antichi romani


Cliccate sul link sottostante per vedere un ottimo programma della BBC sull’alimentazione degli antichi romani, disponibile per un tempo limitato su iPlayer. Non fatevelo scappare, è molto divertente e informativo!

http://www.bbc.co.uk/iplayer/episode/b00ly7by/The_Supersizers_Eat..._Ancient_Rome/

Thursday, 16 July 2009

Una massima sul riposo

Il riposo a voi non sia letargo, ma preparamento di nuove forze e pensieri

Niccolò Tommaseo

Tuesday, 16 June 2009

La Biennale di Venezia



















Cliccate sul link sottostante per ascoltare una trasmissione di Radio 4 sulla Biennale di Venezia, il festival di arte contemporanea più antico del moldo, istituito nel 1895:

http://www.bbc.co.uk/iplayer/episode/b00l0ykz/Waldemar_at_the_Venice_Biennale/

Saturday, 2 May 2009

L'Italia a Excess Baggage

Se cliccate sul link sottostante ascolterete la puntata di oggi della trasmissione Excess Baggage in onda su Radio 4. La puntata è dedicata all'Italia e parla della Vespa, della mafia nel Sud Italia e dell'arte a Venezia:

http://www.bbc.co.uk/iplayer/console/b00k2m7r

Tuesday, 28 April 2009


Su YouTube trovate I Promessi Sposi in 10 minuti: un bel musical che dura solo 10 minuti basato sul noto romanzo storico di Alessandro Manzoni pubblicato nel 1823. Le canzoni traggono ispirazione da famose melodie italiane:

http://www.youtube.com/watch?v=c9CxZnsbY04

Monday, 27 April 2009

L'influenza suina

Se volete saperne di più sull'influenza suina potete cliccare sul link sottostante, dove troverete un video sul tema tratto dal sito Euronews, con relativa trascrizione del testo:

http://it.euronews.net/2009/04/27/febbre-suina-un-caso-in-spagna/

Tuesday, 21 April 2009

Un articolo sulla scienza della felicità

Se cliccate su questo link troverete la ricetta della felicità secondo lo scienziato James Watson. Da notare che l'articolo si basa su un'intervista che risale al 2000

http://www.corriere.it/salute/09_aprile_20/james_watson_ricerca_felicita_050bdef2-2d93-11de-b92c-00144f02aabc.shtml

Tuesday, 7 April 2009

Un poema di Voltaire

Voltaire scrisse questo poema in seguito al terremoto di Lisbona del 1755. È una poesia che si scaglia contro l'ottimismo crudele, mette in evidenza l'ingiustizia ed invita a non dare senso alla violenza. Per Voltaire occorre invece mantenere uno sguardo lucido sulla realtà


Poveri umani! e povera terra nostra!
Terribile coacervo di disastri!
Consolatori ognor d'inutili dolori!
Filosofi che osate gridare tutto è bene,
venite a contemplar queste rovine orrende:
muri a pezzi, carni a brandelli e ceneri.
Donne e infanti ammucchiati uno sull' altro
sotto pezzi di pietre, membra sparse;
centomila feriti che la terra divora,
straziati e insanguinati ma ancor palpitanti,
sepolti dai lor tetti, perdono senza soccorsi,
tra atroci tormenti, le lor misere vite.

Ai lamenti smorzati di voci moribonde,
alla vista pietosa di ceneri fumanti,
direte : è questo l’effetto delle leggi eterne
che a un Dio libero e buono non lasciano la scelta?
Direte, vedendo questi mucchi di vittime:
fu questo il prezzo che Dio fece pagar pei lor peccati?
Quali peccati ? Qual colpa han commesso questi infanti
schiacciati e insanguinati sul materno seno?
La Lisbona che fu conobbe maggior vizi
di Parigi e di Londra, immerse nei piaceri?
Lisbona è distrutta e a Parigi si balla.
Tranquilli spettatori, spiriti intrepidi,
dei fratelli morenti assistendo al naufragio
voi ricercate in pace le cause dei disastri;
ma se avvertite i colpi avversi del destino,
divenite più umani e come noi piangete.

Monday, 6 April 2009

Terremoto in Abruzzo




Due immagini del terremoto che ha colpito oggi l'Abruzzo alle 3.30 di mattina. La prima foto mostra una chiesa danneggiata dal sisma, l'altra i danni alla cattedrale delle Anime Sante di Piazza Duomo. Ho preferito evitare di pubblicare le foto della disperazione umana, per rispetto verso la gente della mia regione

Monday, 30 March 2009

Il festival del cinema italiano





















Per gli appassionati di cinema, in varie località della Gran Bretagna si svolgerà dal 17 al 30 aprile il festival del cinema italiano. Per saperne di più cliccate su:
http://www.italianfilmfestival.org.uk/

Tra i film in proiezione ci sarà anche Pranzo di Ferragosto, un film del 2008 che ha riscosso un grosso successo di critica e pubblico

Friday, 27 March 2009

Le prime pagine dei giornali

Cliccate su questo link per poter leggere le prime pagine dei giornali italiani (e non solo). Ringrazio Graham Walters per la segnalazione.

http://www.newseum.org/todaysfrontpages/flash/

Saturday, 21 March 2009

Benigni a Londra con Tutto Dante


Gli appassionati di Dante avranno l'opportunità di ascoltare Roberto Benigni mentre declama i versi del Sommo Poeta (inframezzati da interventi comici) a Londra presso il Theatre Royal Drury Lane, domenica 5 aprile 2009

Roberto Benigni è un comico molto amato dal pubblico italiano, reso famoso a livello mondiale dal film del 1997 La Vita è Bella, per il quale ha vinto tre premi Oscar (miglior film straniero, miglior attore e miglior colonna sonora)

Monday, 16 March 2009

Il Divo



















Il Divo è un film di Paolo Sorrentino del 2008 che vi consiglio di andare a vedere. È ispirato a Giulio Andreotti, esponente dell’ex partito di destra Democrazia Cristiana, senatore a vita e protagonista della vita politica per molti anni. Nel film si fa spesso riferimento alle sue presunte relazioni con la mafia

Thursday, 12 March 2009

La nascita del Barocco


Cliccate sul link se volete per vedere la trasmissione della BBC sul Barocco. In questo episodio si parla della nascita del Barocco in Italia:




http://www.bbc.co.uk/iplayer/episode/b00j4d3g/Baroque!_From_St_Peters_to_St_Pauls_Episode_1/

Friday, 6 March 2009

Wednesday, 4 March 2009

L'inno nazionale di Mameli


Se cliccate sul link sottostante ascolterete la parte iniziale dell'inno nazionale scritto da Goffredo Mameli nel 1847:

http://www.youtube.com/watch?v=o7pmy-u1awI

Questo è il testo:

Fratelli d'Italia,
l'Italia s'è desta;
dell'elmo di Scipio
s'è cinta la testa.
Dov'è la Vittoria?
Le porga la chioma;
ché schiava di Roma
Iddio la creò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Su questo sito invece si trova un'ottima spiegazione dell'inno:

http://andrehoshi.spaces.live.com/blog/cns!54BE567575E0984E!1227.entry

Monday, 2 March 2009

Errore numero ventidue - quando non bisognerebbe usare l'articolo assieme al possessivo

Remember that the article is not needed with posessives used in connection with "singular" members of the family, example:

MIA madre ha molti amici
My mother has many friends

MIO fratello legge molto
My brother reads a lot

BUT


LA mia zia di Capri ha una bellissima casa
My aunt from Capri ha a beautiful house

In the above sentence the article (LA) is required because we are adding more information about the person concerned: we are qualifying MIA ZIA by saying that she is from Capri (DI CAPRI).

Other example:

MIA SORELLA ama la musica classica
My sister loves classical music

BUT

LA MIA sorella maggiore è in Spagna
My eldest sister is in Spain

Again, we are qualifying the word sorella with the word maggiore, and for that reason the article is required

Thursday, 26 February 2009

Pavarotti - Nessun dorma


Ecco il testo ed il video di Nessun Dorma, tratto dalla Turandot di Puccini

http://www.youtube.com/watch?v=RdTBml4oOZ8&feature=related





Nessun dorma! Nessun dorma!
Tu pure, o Principessa,
Nella tua fredda stanza
Guardi le stelle
Che tremano d'amore
E di speranza.
Ma il mio mistero è chiuso in me,
Il nome mio nessun saprà!
No, no, sulla tua bocca lo dirò
Quando la luce splenderà!
Ed il mio bacio scioglierà il silenzio
Che ti fa mia!
Dilegua, o notte!
Tramontate, stelle!

Tramontate, stelle!
All'alba vincerò!
Vincerò, vincerò!
Vincerò!

Sunday, 22 February 2009

Lucio Dalla - Balla Balla Ballerino


Ecco una canzone del 1980 di Lucio Dalla, un grande della musica italiana:

http://www.youtube.com/watch?v=vs4cTPG9aRI&feature=related



Balla balla ballerino
tutta la notte e al mattino
non fermarti.
Balla su una tavola tra due montagne
e se balli sulle onde del mare io ti vengo a guardare.
Prendi il cielo con le mani
vola in alto più degli aeroplani
non fermarti.
Sono pochi gli anni forse sono solo giorni
e stan finendo tutti in fretta e in fila
non ce n'è uno che ritorni.
Balla non aver paura
se la notte è fredda e scura
non pensare
alla pistola che hai puntata contro.
Balla alla luce di mille sigarette e di una luna
che ti illumina a giorno.
Balla il mistero di questo mondo che brucia in fretta
quello che ieri era vero, dammi retta, non sarà vero domani.
Ferma con quelle tue mani il treno Palermo-Francoforte,
per la mia commozione
c'è un ragazzo al finestrino,
gli occhi verdi che sembrano di vetro
corri e ferma quel treno
fallo tornare indietro.
Balla anche per tutti i violenti
veloci di mano e coi coltelli,
accidenti.
Se capissero vedendoti ballare
di essere morti da sempre
anche se possono respirare.
Vola e balla sul cuore malato
illuso, sconfitto, poi abbandonato
senza amore
dell'uomo che confonde la luna con il sole
senza avere coltelli in mano
ma nel suo povero cuore.
Allora vieni angelo benedetto
prova a mettere i piedi sul suo petto
e stancarti
a ballare al ritmo del motore
e alle grandi parole di una canzone, canzone d'amore.
Ecco il mistero,
sotto un cielo di ferro e di gesso
l'uomo riesce ad amare lo stesso
e ama davvero
senza nessuna certezza
che commozione, che tenerezza

Tuesday, 17 February 2009

Errore numero ventuno - I pronomi

Pronomi diretti e indiretti

The wrong use of direct and indirect pronouns is by far one of the most common mistakes, usually due to the fact that it is difficult to know which verb requires direct or indirect pronouns. Things are complicated further by the fact that some verbs can take both. There is no easy way out. If you read or listen to lots of Italian, eventually the right pronoun will come to you automatically. In the meantime, the best thing to do is to look the verb up in a good verb book which shows the prepositions the verbs come with.

In a nutshell, if the verb is transitive, ie its structure doesn't entail a preposition, the pronoun will be direct. Classic example:

Mangio la mela
I'm eating the apple

I'm eating it
La mangio (pronome diretto)

If the verb is intransitive, its structure is characterised by a preposition:

Faccio un regalo a Carla
I'll give a present to Carla

I'll give a present to her
Le faccio un regalo (pronome indiretto)

Or

Faccio un regalo a lei (pronome indiretto accentato)

Sunday, 8 February 2009

Renato Zero


Soldi è una canzone di Renato Zero che risale al 1982 e mi sembra molto appropriata ai tempi che corrono!

http://www.youtube.com/watch?v=-8AA59PscNA


Ecco il testo delle canzone:

Avere tanti soldi che gioia…
Senza problemi vivrei….
Soddisfare qualunque voglia
Questo è ciò che vorrei!
Futuro nero, è nero il futuro
Alternativa non c'è…
Chi è
Che è disgraziato come me
Chi è più sfortunato…
Chi…
Più miserabile di così!
Furbi…
Ne accumulate di soldi…
All'inflazione voi…sordi!
Faremo i conti più tardi!
Oro
Non ti ho mai visto dal vero
Oro, che fine fai…
In quali tasche vai
Quanta gente, per te impazzisce lo sai
Soldi
Mani protese sguardi ingordi…
Io venderei mamma mia.
Io venderei casa mia!
Io offro le mie virtù,
A chi mi dà di più…allora? Allora! Allora!
Soldi sentite il suono dei miliardi…
Non ti tradiscono mai…
Ti danno quello che vuoi
Se non conoscerai i soldi
Tu, non sai che ti perdi!
Allora Allora Allora
Soldi Soldi
Avere tanti soldi che noia
Più ne hai più ne vuoi,
Ma poi
Con troppi soldi cosa ci fai
Se con chi spenderli non sai
Poveri in canna ma felici noi.
Soldi
Mani protese sguardi ingordi…
Io venderei mamma mia.
Io venderei casa mia!
Io offro le mie virtù,
A chi mi dà di più…allora? Allora! Allora!
Soldi
Come profumano 'sti soldi
La vita è una lotteria fortuna non andar via!
Vieni a sederti un po’ qua
Amica mia felicità

Friday, 6 February 2009

Errore numero venti - I possessivi

A common mistake is to use a possessive adjective (MIO, TUO, etc.) when it should actually be left out:

I have lost my wallet
Ho perso il portafogli

I haven’t done my homework
Non ho fatto i compiti

He is losing his hair
Sta perdendo i capelli

Do not use possessives together with parts of the body or things that clearly can only be yours or belong to you, such as homework, umbrellas, driving licenses, passports etc.

Should there be any confusion as to whom an item belongs to, then the possessives is to be used:

I have lost my mum’s umbrella
Ho perso l’ombrello di mia madre

I have lost her umbrella
Ho perso il suo ombrello

Monday, 2 February 2009

Il Padrino


Una bella trasmissione radiofonica sul Padrino (the Godfather) si può ascoltare cliccando sul link in basso (per un periodo limitato). La trasmissione è in inglese




http://www.bbc.co.uk/iplayer/episode/b00h3wlv/And_The_Academy_Award_Goes_To_..._Series_2_The_Godfather_and_The_Godfather_Part_II/

Sunday, 1 February 2009

Le regole di lunga vita

Cliccate sul link sottostante per poter leggere le regole di lunga vita del premio Nobel per la medicina Montagnier

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Salute/2009/02/01/pop_vita850.shtml

Friday, 30 January 2009

Errore numero diciannove - Aggettivi e Pronomi Dimostrativi

Another very common mistake is to use demonstrative pronouns (such as that one or those ones) where adjectives should be used, and vice versa. Let me first remind you that a pronoun replaces a noun, whereas and adjective modifies or qualifies a noun. Therefore:

That dog = Quel cane (aggettivo)
That one = Quello (pronome)

A common mistake is to say "quello cane", hence using a pronoun where an adjective should be used

Those dogs = quei cani (aggettivo)
Those one = quelli (pronome)

It would be wrong to say "quelli cani"

It is more straightforward with feminine words, as pronouns and adjectives in that case are the same:

That house = Quella casa (aggettivo)
That one = Quella (pronome)

That island = quell’isola (aggettivo)
That one = quella (pronome)

Those islands = quelle isole (aggettivo)
Those ones = quelle (pronome)

Sunday, 25 January 2009

Giorgio Gaber - La democrazia





L'attore e cantautore Giorgio Gaber, nato nel 1939 e morto nel 2003, quest'anno avrebbe compiuto 70 anni. Se cliccate sul link sottostante lo ascolterete durante uno dei suoi spettacoli. Trovate qui di seguito anche il testo.

http://uk.youtube.com/watch?v=EQxTXLSQYRw

http://video.corriere.it?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Cultura&vxClipId=2524_15617f92-e954-11dd-8250-00144f02aabc&vxBitrate=300

La democrazia (1996)

Dopo anni di riflessione sulle molteplici possibilità che ha uno Stato di organizzarsi sono arrivato alla conclusione che la democrazia è il sistema più democratico che ci sia.
Dunque, c'è la democrazia, la dittatura… e basta. Solo due. Credevo di più.
La dittatura in Italia c'è stata e chi l'ha vista sa cos'è, gli altri si devono accontentare di aver visto solo la democrazia.
Io, da quando mi ricordo, sono sempre stato democratico, non per scelta, per nascita. Come uno che quando nasce è cattolico, apostolico, romano. Cattolico pazienza, apostolico non so cosa vuol dire, ma romano io?!...
D'altronde, diciamolo, come si fa oggi a non essere democratici? Sul vocabolario c'è scritto che "democrazia" significa "potere al popolo". Sì, ma in che senso potere al popolo? Come si fa? Questo sul vocabolario non c 'è scritto.
Però si sa che dal 1945, dopo il famoso ventennio, il popolo italiano ha acquistato finalmente il diritto al voto. È nata così la "Democrazia rappresentativa" che dopo alcune geniali modifiche fa sì che tu deleghi un partito che sceglie una coalizione che sceglie un candidato che tu non sai chi è, e che tu deleghi a rappresentarti per cinque anni, e che se lo incontri ti dice giustamente: "Lei non sa chi sono io!". Questo è il potere del popolo.
Ma non è solo questo. Ci sono delle forme ancora più partecipative. Il referendum, per esempio, è una pratica di "Democrazia diretta"... non tanto pratica, attraverso la quale tutti possono esprimere il loro parere su tutto. Solo che se mia nonna deve decidere sulla Variante di Valico Barberino-Roncobilaccio, ha effettivamente qualche difficoltà. Anche perché è di Venezia. Per fortuna deve dire solo "Sì" se vuol dire no, e "No" se vuol dire sì. In ogni caso ha il 50% di probabilità di azzeccarla. Ma il referendum ha più che altro un valore folkloristico perché dopo aver discusso a lungo sul significato politico dei risultati… tutto resta come prima e chi se ne frega.
Un'altra caratteristica fondamentale della democrazia è che si basa sul gioco delle maggioranze e delle minoranze. Se dalle urne viene fuori il 51 vinci, se viene fuori il 49 perdi.
Dipende tutto dai numeri. Come il gioco del Lotto.
Con la differenza che al gioco del Lotto, il popolo qualche volta vince, in democrazia... mai!
E se viene fuori il 50 e 50? Ecco, questa è una particolarità della nostra democrazia. Non c'è mai la governabilità.
È cominciato tutto nel 1948. Se si fanno bene i conti tra la Destra – DC, liberali, monarchici, missini… – e la Sinistra – comunisti, socialisti, socialdemocratici, ecc. – viene fuori un bel pareggio. Da allora è sempre stato così, per anni!
Eh no, adesso no, adesso è tutto diverso. Per forza: sono spariti alcuni partiti, c'è stato un mezzo terremoto, le formazioni politiche hanno cambiato nomi e leader. Adesso… adesso non c'è più il 50% a destra e il 50% a sinistra. C'è il 50% al centro-destra e il 50% al centro-sinistra. Oppure un 50 virgola talmente poco… che basta che uno abbia la diarrea che salta il governo.
Non c'è niente da fare. Sembra proprio che il popolo italiano non voglia essere governato. E ha ragione. Ha paura che se vincono troppo quelli di là, viene fuori una dittaturadi Sinistra. Se vincono troppo quegli altri, viene fuori una dittatura di Destra. La dittatura di Centro invece... quella gli va bene.
Auguri!!!


Testo tratto dal sito Far Finta di essere Gaber

Thursday, 22 January 2009

Errore numero diciotto - Presente e Futuro

Un altro errore molto comune consiste nell'uso del futuro quando basterebbe invece usare il presente.

In Italian the future is not used very often, particularly in conversation. It is usually relegated to predictions, long term plans and projects, public announcements, or the weather:

PREDICTIONS


Venere e Mercurio ti aiuteranno a mantenere il buonumore. Una nuova amicizia si rafforzerà

Venus and Mercury will help keep you in a good mood. A new friendship will get stronger.

LONG TERM PLANS AND PROJECTS


Il progetto CityLife farà di Milano una metropoli europea

The CityLife project will turn Milan into a European metropolis

Tra 10 avrò andrò a vivere in Francia

In 10 years’ time I will go and live in France

Se continua a fumare tanto finirà per ammalarsi

If he carries on smoking like that he will end up getting ill

THE WEATHER


Ci saranno piovaschi sul versante adriatico

There will be scattered showers on the Adriatic coast

In normal conversation, the use of the future gives the speaker a certain aura of formality that is usually unnecessary or mispaced

Friday, 16 January 2009

Paolo Conte - Vieni via con me


Vieni via con me (1981), questa volta di Paolo Conte, è un'altra canzone molto amata

http://uk.youtube.com/watch?v=2uj4pUD7YwI

Ecco il testo:

Via, via, vieni via di qui,
niente più ti lega a questi luoghi,
neanche questi fiori azzurri…
via, via, neanche questo tempo grigio
pieno di musiche e di uomini che ti son piaciuti,

It’s wonderful, it’s wonderful, it’s wonderful
good luck my baby, it’s wonderful,
it’s wonderful, it’s wonderful, I dream of you…
chips, chips, du-du-du-du-du

Via, via, vieni via con me
entra in questo amore buio, non perderti per niente al mondo…
via, via, non perderti per niente al mondo

Lo spettacolo d’ arte varia di uno innamorato di te,
it’s wonderful, it’s wonderful…

Via, via, vieni via con me,
entra in questo amore buio pieno di uomini
via, via, entra e fatti un bagno caldo
c’è un accappatoio azzurro, fuori piove un mondo freddo,
it’s wonderful, it’s wonderful…

Wednesday, 14 January 2009

Fabrizio De Andrè - Bocca di Rosa



















Riccorrono quest'anno i dieci anni dalla morte del cantautore Fabrizio De Andrè, nato nel 1940 e morto prematuramente l'11 gennaio 1999. Ecco su una delle sue canzoni più famose, Bocca di Rosa, del 1967:

http://it.youtube.com/watch?v=5iGoQ-0yb7E

E questo è il testo:

La chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore, metteva l'amore,
la chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa.

Appena scese alla stazione
nel paesino di San Vicario
tutti si accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario.

C'è chi l'amore lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
bocca di rosa né l'uno né l'altro
lei lo faceva per passione.

Ma la passione spesso conduce
a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie.

E fu così che da un giorno all'altro
bocca di rosa si tirò addosso
l'ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l'osso.

Ma le comari di un paesino
non brillano certo in iniziativa
le contromisure fino a quel punto
si limitavano all'invettiva.

Si sa che la gente dà buoni consigli
sentendosi come Gesù nel tempio,
si sa che la gente dà buoni consigli
se non può più dare cattivo esempio.

Così una vecchia mai stata moglie
senza mai figli, senza più voglie,
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.

E rivolgendosi alle cornute
le apostrofò con parole argute:
"il furto d'amore sarà punito-
disse- dall'ordine costituito".

E quelle andarono dal commissario
e dissero senza parafrasare:
"quella schifosa ha già troppi clienti
più di un consorzio alimentare".

E arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi con i pennacchi
e arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi.

Il cuore tenero non è una dote
di cui sian colmi i carabinieri
ma quella volta a prendere il treno
l'accompagnarono malvolentieri.

Alla stazione c'erano tutti
dal commissario al sagrestano
alla stazione c'erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano,

a salutare chi per un poco
senza pretese, senza pretese,
a salutare chi per un poco
portò l'amore nel paese.

C'era un cartello giallo
con una scritta nera
diceva "Addio bocca di rosa
con te se ne parte la primavera".

Ma una notizia un po' originale
non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall'arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.

E alla stazione successiva
molta più gente di quando partiva
chi mandò un bacio, chi gettò un fiore
chi si prenota per due ore.

Persino il parroco che non disprezza
fra un miserere e un'estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la vuole accanto in processione.

E con la Vergine in prima fila
e bocca di rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese
l'amore sacro e l'amor profano.





Sunday, 11 January 2009

Falsi Amici – Eventually vs Eventualmente

Eventually in English means “In the end” or “at the end”.

In Italian, Eventualmente means:

Nel caso:
In case (in the event of something happening)

Se mai:
Should ever (something happen)

Eventualmente is a good word to use to avoid committing oneself completely to doing something, as it usually makes a course of action conditional to a certain event occurring first, ie we use it to say we’ll do something but only in the event that something else happens.

Esempio:

Sono sicura che andrà tutto bene e non avremo bisogno di te. Eventualmente ti telefono

I’m sure everything will be ok and we won’t need you.
In case (of any problems) I’ll ring you

Thursday, 8 January 2009

Errore numero Diciassette – Informazioni e Consigli

Information and Advice in English are used as uncountable nouns and don’t have a plural. Many students assume this will also apply to their Italian equivalent, which is wrong as in Italian they are mostly used as plural words. For instance:

  • I would like some information
Vorrei delle informazioni

  • He gave me some useful advice
Mi ha datto dei consigli utili

Tuesday, 6 January 2009

Errore numero Sedici – ancora sulle concordanze – Vicino

The word “vicino” also needs to agree in gender and number, but only in some circumstances. For instance:

How far is the station?
Quanto dista la stazione?

This question could have two different answers:
  • È vicina
In this sentence the word VICINA agrees in gender and number with the feminine word Stazione. In this type of answer vicina therefore directly relates to the noun stazione (it is an adjective that qualifies the word Stazione)
  • È vicino
In this reply no agreement is necessary as the word Vicino refers to the overall concept of Vicinity/Being nearby and is not intended to qualify the word Stazione (vicino in this case is used as an adverb, not an adjective)

Sunday, 4 January 2009

Errore numero Quindici– Plurale E > I

This type of mistake occurs so frequently that it should really be placed at number one.
The plural of words ending in E is always with an I, except for foreign words or words ending with an accent, for instance:

Il caffè (singolare)

I caffè (plurale)

To form the plural of a word ending in E, you need to replace the E with an I, for example:

È un mio parente
He is a relative of mine

Sono miei parenti
They are relatives of mine

The majority of students forget this rule, especially when it comes to agreements:

Mela verde (singolare)

Mele verdi (plurale)

Casa grande (singolare)

Case grandi (plurale)

Allora ricordate, il plurale dei sostantivi (nomi) e degli aggettivi che terminano in E si forma con la I!